Residenze artistiche, parola agli artisti

di M. Secondo – La Corte Ospitale

La Corte Ospitale, Centro di Residenza dell’Emilia Romagna, da sempre ha come vocazione quella delle residenze artistiche. Un luogo, anche per le sue caratteristiche fisiche (sale prove, foresteria, refettorio), in cui il tempo per la creazione ricopre un ruolo di fondamentale importanza. Tempo dedicato e cura, per gli artisti e per il loro lavoro. Tempo dedicato, incontri e scambi di esperienze. Per innescare anche un cortocircuito creativo, o semplicemente portare avanti il proprio lavoro.
Dal 2019 abbiamo iniziato a chiedere alle Compagnie che ospitiamo in residenza quale sia per loro il senso della residenza e quale importanza possa avere un posto come La Corte Ospitale. Da questa domanda nasce una riflessione che segna anche l’evoluzione del concetto stesso di residenza nel tempo. Di seguito una raccolta di tutte le risposte. Un archivio, in continuo aggiornamento, di una visone che muta, e che diventa strumento di ricerca.

Residenze 2020

EMANUELE ALDROVANDI – Farfalle

“La residenza ti obbliga a dedicarti solo ad una cosa. È una cosa un pò violenta a volte da un certo punto di vista perché tu sei tutt’uno con quello che stai facendo ma è fondamentale per riuscire a farlo bene. Non credo che ci siano altre possibilità per riuscire a immergersi veramente in un materiale. […]” Emanuele Aldrovandi

CARROZZERIA ORFEO – Miracoli Metropolitani

“La Corte Ospitale è un luogo che per noi è anche rituale perché da molti anni, da molte produzioni veniamo qui per la prima settimana/dieci giorni di lavoro per poi spostarci a fare l’allestimento vero e proprio in altri teatri. […] Le residenze sono un aspetto fondamentale della contemporaneità teatrale. Sono nate con uno scopo ben preciso che è anche quello di diventare un luogo di pace, di tregua, nella frenesia produttiva un luogo soprattutto di ricerca. Chi meglio di Corte Ospitale può interpretare questa visione che è nata già da un po’ di anni in Italia. Qui ci troviamo in un posto isolato, silenzioso, dove si può veramente lavorare senza l’angoscia, la pretesa del risultato. È appunto un luogo di ricerca, di studio“ Gabriele Di Luca

Residenze 2019

IDIOT SAVANT – Circeo, il massacro

“Quando si sceglie di fare un progetto di drammaturgia contemporanea e quindi chiaramente soprattutto su un argomento del genere si ha bisogno di calibrare i segni, i significati, i sensi, il livello di comunicazione […] la cosa che bisogna concedersi è il tempo, il lusso del tempo soprattutto in creazione cosa che adesso in teatro non c’è più. Siamo talmente abituati noi attori, noi registi, a dover incastrare produzioni, pubblicità, spot, lettura, che non ci prendiamo il lusso del tempo. Questo è stato un lusso.”

ELENA BURANI – Piume

“[…] avere un luogo dove tutto è dedicato a questo momento (la creazione dello spettacolo, ndr), delle persone che stanno in ufficio che organizzano, che cercano i soldi, che fanno in modo che tu possa chiuderti in sala e starci dentro tutto il giorno per far venire fuori qualcosa… ti senti un privilegiato o forse ti senti normale. Ecco per una volta tanto ti senti nel posto giusto.”

CIRCO PANIKO – La Panikommedia

“Ospitale, come nel nome e Corte, come nel nome. Noi siamo all’esterno in una tradizione quasi medievale che ci piace rispettare ossia circo di fianco al centro, alle mura, geograficamente disposto un pochino fuori dalla Corte Ospitale”.

TEATRO DEL CARRETTO – La Tempesta

“È stato un dono avere la residenza della Corte Ospitale. I nostri spettacoli nascono sempre da Lucca in un isolamento totale. […] Per me è stato fondamentale uscire per azzerare totalmente questa condizione ed era fondamentale stare in un posto dove si potesse dormire, dove si potesse cucinare, quindi anche sciogliere il momento delle prove ma che fosse un ripartire da zero. Io credo che sia fondamentale lo scambio anche perché se ci si fossilizza solo nella ricerca teatrale (noi partiamo sempre dalle improvvisazioni) diventiamo un po’ più aridi e per me era fondamentale lo scambio anche con altre realtà. Il fatto di aver condiviso con un circo questa residenza è stata una scoperta per noi. Poter anche nei momenti più di ricreazione, a cena, a pranzo, scambiare le idee sia con gli ospiti sia con quelli che ci stavano ospitando era proprio partire da zero, è stato fondamentale per questo.”

PICCOLA COMPAGNIA DAMMACCO

“Quest’anno credo che ci sia stato un ulteriore salto di qualità della relazione tra il nostro lavoro e le residenze. Abbiamo chiesto alla Corte Ospitale e agli altri partner di non ospitarci per preparare uno spettacolo, ma di ospitarci addirittura per semplicemente studiare, ricercare, fare incontri. Credo che in questo momento sia un’azione in contro tendenza non solo rispetto al sistema teatrale ma rispetto al sistema tout-court della nostra società economico e via dicendo per come è organizzata e quindi penso che ci sia qualcosa di molto importante e che forse possa fare molto bene all’intero ambiente il fatto che ci siano dei contesti dove prendersi lo spazio della ricerca.” Mariano Dammacco

PIERGIORGIO MILANO – White out

“… avere uno spazio in cui ci si possa veramente dedicare, concentrare, in cui le persone che ti circondano abbiamo un’idea chiara di cos’è la creazione artistica, di quali siano i suoi punti forti e i suoi punti deboli, di quali siano le sue esigenze e senti che non sei mai fuori luogo ma che nei momenti in cui tutto va bene così come nei momenti in cui tutto va male sai benissimo che chi ti circonda è cosciente e consapevole e quindi il sostegno che cerchi è reale nel fare il tuo mestiere, in questo senso dico che è un lusso che un posto come questo esista.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: